18 luglio 2014

Propietà della lavanda

si quieres leerlo en Argentina icon

Mentre raccoglievo i fiori di lavanda, e mi riempivo il cuore con il suo profumo, mi chiedevo se voi avete avuto la possibilità, l'opportunità e il tempo per coltivare questa bellissima pianta, che come ho già detto non solo è profumatissima e decorativa nel nostro giardino o balcone, ma è anche una pianta dalle notevoli proprietà e preziose virtù: è antisettica; antiasmatica;  calmante; cicatrizzante; disinfettante; favorisce la digestione ed il sonno  (un buon alleato contro l' insonnia); è un buon calmante contro le punture degli insetti; il suo profumo disturba le zanzare ed allontana le tarme...tutto questo, ed altro ancora, in una sola pianta!!!
Le caratteristiche del profumo della lavanda è data dal olio essenziale che produce la pianta stessa ed in special modo i suoi fiori che vengono utilizzati sia freschi che secchi.
Ho cercato come fare per estrarre in casa l'olio essenziale, però in base a quello che ho letto la cosa non è così semplice, da 150 gr di fiori di lavanda si ottiene 1 ml di olio!!.
Però credo, che prima di vedere tutto quello che possiamo fare con la lavanda, in che modo e per quali problemi, dobbiamo cominciare dall'inizio:
La prima operazione consiste nel raccogliere i fiori di lavanda quando la parte inferiore del fiore si é aperta e la parte superiore ha appena cominciato; il momento migliore per farlo è nelle tardi sere, nei giorni di luna crescente. Tagliare i gambi minimo di circa 10 cm. lunghi stando attenti di tagliare dove cominciano le prime o seconde serie di foglie, per far si che la pianta continui a svilupparsi in armonia. Formeremo dei mazzi con essi legandoli ben forte, affinché quando si seccheranno non cadano, e li appenderemo testa in giù in un luogo in penombra, secco e ben ventilato per due settimane.  
A questo punto separiamo i fiori dalle spighe e, se non li utilizziamo immediatamente, li  andremmo a conservare in un contenitore a chiusura ermetica; io normalmente li metto in una scatola di metallo dove si conservano perfettamente per più di un anno, ma va benissimo anche il vetro, la ceramica, ma non la plastica!!.

Adesso, con i fiori freschi, appena raccolti, possiamo preparare dell' olio di lavanda, che non è concentrato come l'olio essenziale che troviamo in commercio, però che ottiene i suoi buoni risultati; acqua  e sali di lavanda, fermo restando che per questi ultimi due vanno bene anche quelli secchi.
Con i fiori secchi  possiamo fare sacchetti e cuscini profumati; inalazioni; candele; saponi......

Vediamo quando usarla; naturalmente teniamo presente che se decidiamo di comprare direttamente l'olio essenziale, avremmo bisogno di poche gocce dato che è pura essenza concentrata!!

In caso di raffreddori, tosse, laringite, naso congestionato: Perfetta per il suo effetto balsamico.
Far bollire un bicchiere d'acqua al quale aggiungere due cucchiai di fiori secchi o 5-6 gocce di olio e spegnere immediatamente la fiamma e utilizzarlo per fare dei suffumigi, oppure possiamo metterlo dentro il deumidificatore della nostra stanza al fine di respirarlo tutta la notte. Per un effetto più completo possiamo aggiungere alcuni semi de eucalipto.
  
♠ In caso di nevralgie, di dolori addominali, mal di testa, dolori muscolari:   Effetto analgesico e lenitivo. 
Applicare alcune gocce di olio di lavanda nella parte interessata e massaggiare per alcuni minuti. Per quei mal di testa dovuti a tanta tensione accumulata applicare nelle tempie, nella fronte e nella nuca e massaggiare.  

♠ In caso de insonnia dovuto ad agitazione o nervosismo: Grazie al suo effetto calmante e tranquillizzante.
Spruzzare nella stanza o sul cuscino dell'acqua di lavanda o alcune gocce di olio, chi ha la pietra per diffusione degli aromi può spargerle sopra di essa, per avere un effetto benefico per tutta la notte. Un'altra possibilità è di frizionare con l'acqua di lavanda o con gocce di olio di lavanda  i polsi e anche molto buoni son i sacchetti e cuscini profumati da mettere sotto il cuscino. Vi ricordo sempre che ogni tanto, i sacchetti di lavanda, devono essere sfregati e mossi affinché emanino nuovamente il loro profumo.  
E che dire di un buon bagno con i sali di lavanda  molto rilassanti...anche se oggi il tempo per rimanere dentro la vasca per  20 minuti è quasi impensabile, e poi se pensiamo allo spreco di acqua!!!!, però credo che possa essere un buon compromesso, per tutti, un pediluvio. 


♠ In caso di punture di insetti:  Il suo profumo è molesto a molti insetti, soprattutto alle zanzare. La pianta li tiene lontani.
Applicare sulla pelle l'acqua di lavanda mischiata con alcune gocce di olio essenziale ( oppure parecchie in più dell'olio che abbiamo fatto) come protezione e, in caso de puntura, direttamente alcune gocce nella parte interessata. 
Ho letto che è buono contro l'attacco dei pidocchi: aggiungere alcune gocce di olio essenziale allo shampoo che si usa normalmente e massaggiare il cuoio cappelluto .....dovrò assolutamente provare a vedere se ha effetto sui cani ed i gatti contro i pidocchi e le zecche????


♠ Per le fastidiose coliche dei neonatiMassaggiare con alcune gocce (3-4) di olio di lavanda l' addome per alcuni minuti quando è in atto la colica. Un'altro accorgimento è di aggiungere nell'acqua della vasca, dove andrete a fargli il bagno, qualche goccia di olio, oppure un pugno di sali, o anche dell'acqua di lavanda che non solo farà bene per il suo intestino ma che sarà ottimo per fare un sogno sereno.

Per adesso mi fermo qui, anche se c'è ancora tanto da dire......

Nessun commento:

Posta un commento